Come creare il business plan perfetto

Episodio 8

Considerazioni finali

Il Break Even Point

Dopo avere passato in rassegna i vari aspetti sia descrittivi sia economico/finanziari del business plan ci soffermiamo sull’importanza di inserire una parte dedicata alla determinazione del punto di pareggio (break even point).

Troppo spesso si formalizzano dei business plan totalmente mancanti di questa fondamentale parte che sintetizza i volumi che si ritengono necessari per arrivare alla copertura totale dei costi. Si tratta di un momento davvero fondamentale che ci permette di capire il momento preciso in cui l’impresa cessa di essere in perdita ed inizia a realizzare un profitto.

E’necessario qui di seguito capire quali sono le grandezze che entrano in gioco per il calcolo:

• Costi fissi: spese che non variano al variare della quantità di produzione. Se l’azienda produce 0 unità o 1000 unità, questi costi rimangono invariati poiché non dipendono dall’attività produttiva.
Rientrano nei costi fissi le spese legate alla struttura tecnica e organizzativa quali affitti degli spazi aziendali o stipendi dei dipendenti;

• Costi variabili: spese che possono variare in relazione alla quantità di produzione. Essi quindi, aumentano o diminuiscono in base al numero di unità prodotte. Rientrano nei costi variabili le spese relative alle materie prime, al consumo energetico o alla manutenzione degli apparecchi aziendali.
Metodo analitico:
I fattori che influiscono sul variare del BEP sono i costi fissi, il prezzo di vendita e i costi variabili:
BEP = CF / (PV – CVU)
Dove:

– BEP è il Break Even Point, ovvero la quantità di unità da produrre per pareggiare i costi;
– CF sono i costi fissi;
– PV è il prezzo di vendita di una sola unità del prodotto;
– CVU è il costo variabile unitario, ovvero il costo variabile applicato a quella singola unità di prodotto;
– La formula tra parentesi (PV – CVU) indica il Margine di Contribuzione, ovvero l’incidenza dei costi fissi sul prezzo di vendita.
Indica più semplicemente la quantità che rimane togliendo al prezzo di vendita i costi variabili unitari. Questa quantità è quella necessaria a coprire i costi fissi;
– La somma tra costi fissi e costi variabili rappresenta i costi totali: CT = CF + CV.

Quindi:
BEP = Costi fissi / (Prezzo di vendita del prodotto – Costo variabile unitario

Hai bisogno di creare un Business Plan e hai bisogno di una consulenza?

Contattaci senza impegno

Privacy

Marketing